Special








Tag

Controllo fauna selvatica nel Parco

In data 22 settembre 2011, tra la Provincia di Terni e la Comunità Montana Valnerina, è stato sottoscritto l’accordo per la gestione ed il controllo della fauna selvatica nel Parco fluviale del Nera.

Finalità principali dell’accordo sono quelle della prevenzione  e del contenimento dei danni all’agricoltura prodotti dalla presenza, a volte eccessiva, della specie cinghiale anche all’interno del territorio del Parco del Nera.

Aspetto centrale dell’accordo è la possibilità, da parte del soggetto gestore del Parco, di avvalersi degli operatori abilitati al controllo faunistico della Provincia di Terni, per l’effettuazione di interventi di cattura e/o selezione della specie cinghiale, che avverranno sotto la diretta autorizzazione del Parco, in armonia con i piani di contenimento Provinciali e Regionali e nel rispetto di tutte le normative di sicurezza ed igieniche.

La collaborazione tra Enti consentirà il risparmio e l’ottimizzazione delle risorse disponibili già messe in campo.

La procedura amministrativa e tecnica derivante dall’accordo è in fase di prima applicazione, pertanto, tutti gli interessati possono contribuire con le proprie osservazioni e suggerimenti.

Documenti:

  Accordo gestione faunistica nel Parco (1,9 MiB, 1.052 downloads)

Testo dell'accordo sottoscritto tra Provincia di Terni e la C.M. Valnerina per la gestione faunistica del Parco fluviale del Nera.

  Disposizioni-attuative-regime-transitorio-prima-applicazione (REV.) (149,3 KiB, 511 downloads)

Disposizioni attuative del regime transitorio di prima applicazione dell’accordo tra la Provincia di Terni e la Comunità Montana Valnerina per la gestione faunistica del Parco fluviale del Nera (D.G. n. 70/2011- D.D. n. 462/2011 - Deliberazione Commissariale n. 81/2012)

Modulistica:

  Richiesta intervento controllo cinghiale (166,1 KiB, 555 downloads)

Modulo per la richiesta di intervento di controllo faunistico per la specie cinghiale nel territorio del Parco fluviale del Nera

 

2 commenti per Controllo fauna selvatica nel Parco

  • la presenza dei cinghiali in quantita’ presso vocabolo campolagno a S.Liberatore di Collestatte ha praticamente fatto scomparire istrici, tassi, ghiri, scoiattoli e tra un po’ scompariremo anche noi ……ci vuole buon senso nel ripopolamento , e’ stata invece prodotta una carneficina di altre specie per far divertire i cacciatori , che , tra l’altro, quando vengono a far strage e a far urlare cani e cinghiali dilaniati, ci procurano altre angosce che questi luoghi non meritano e non vogliono avere e impediscono a noi di uscire di casa perche’ ci circondano
    i corvi, divoratori, hanno fatto scomparire la frutta dagli alberi e le rondini dal cielo, non si vede piu’ neppure un rapace ,
    ma voi ” tutelatori ” ve ne siete accorti O NO !!!!!

  • admin

    Cerchiamo di fare il possibile con le poche risorse disponibili e nel rispetto delle normative vigenti .. Grazie per il commento … probabilmente un interesse maggiore ed attivo della popolazione del Parco può diventare la vera “spinta” per ottenere qualcosa in favore del territorio …

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>