Special








Tag

Un mondo non di questo mondo

03_-_Wassily_Kandinsky__Voisinage__1939__olio_su_tela__60x92_cm__collezione_privata

Piatta come il tavolo sul quale è posata.

Sotto – nulla si muove, né cerca uno sbocco.

Sopra – il mio fiato umano non crea vortici d’aria e lascia tranquilla la sua intera superficie.

Bassopiani e vallate sono sempre verdi, altopiani e montagne sono gialli e marrone,

oceani e mari – di un azzurro amico sui margini sdruciti.

Qui tutto è piccolo, vicino, alla portata.

Con la punta dell’unghia posso schiacciare i vulcani, accarezzare i poli senza guanti grossi,

posso con un’occhiata abbracciare ogni deserto insieme al fiume che sta lì accanto.

Segnalano le selve alcuni alberelli tra i quali è ben difficile smarrirsi.

A est e ovest, sopra e sotto l’equatore, un assoluto silenzio sparso come semi, ma in ogni seme nero la gente vive.

Fosse comuni e improvvise rovine sono assenti in questo quadro.

I confini si intravedono appena, quasi esitanti – esserci o non esserci?

Amo le mappe perché dicono bugie.

Perché sbarrano il passo a verità aggressive.

Perché con indulgenza e buon umore sul tavolo mi dispongono un mondo che non è di questo mondo.

 

Wislawa Szymborska, La mappa

 

Con l’augurio che possiate percorrere tante strade e sentirvi sempre a casa.

Buone feste e felice 2014.

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.